Come si festeggia il Natale in Sardegna

18 Nov 2022 Sardegna Turismo @bluAlghero-Sardinia

Per capire l’importanza del Natale in Sardegna bisogna considerare un dato fondamentale.

2 Milioni sono i sardi che vivono fuori dall’isola. Considerando una popolazione residente di poco più di 1 milione e mezzo di abitanti – é un dato fortemente rappresentativo di un fenomeno purtroppo ancora molto attuale, quello dell’emigrazione. E forse nessun altro popolo più dei sardi, risente la lontananza dalla propria terra tanto che ritornare in Sardegna a Natale racchiude un significato molto profondo.

Le non poche difficoltà degli emigrati sardi che spesso sono costretti a fare estenuanti scali e pagare i biglietti a prezzi triplicati (e ringraziamo le compagnie dei trasporti per questo privilegio!)

Ma la pazienza è nel Dna degli isolani e difficoltà logistiche a parte, questo é il periodo più importante dell’anno perchè racchiude le tradizioni tramandate dai propri nonni e genitori alle quali difficilmente si riesce a rinunciare.

Il Natale in Sardegna rappresenta sostanzialmente tornare a casa, ritrovarsi in famiglia e riconnettersi con le proprie origini.

Il Natale in Sardegna ha il classico sapore delle feste con tavole imbandite e cibo a volontà. Nelle case – sas tzias e sas comares – si riuniscono per la preparazione dei dolci tipici sardi. Diventa poi una sorta di sfida silente a chi presenta i migliori pirichittus o papasinos che poi vengono scambiati (…e sopratutto commentati!) nelle visite reciproche a suon di mirto e limoncello fatto in casa.

Questo periodo non é dedicato esclusivamente al mangiare (si, insomma avanza un buon 20%) – complice anche il clima spesso mite con giornate soleggiate – si approfitta per fare delle gite nei dintorni, passeggiare tra le vie dei paesi, tra chiese storiche, sagre e visite ai mercatini.

Ma come si chiama il Natale in sardo?

Il termine per indicare il Natale é comunemente: Sa Paschixedda o Pasca de Nadale

Sappiamo bene che il sardo é una lingua vera e propria. E’ interessante infatti conoscere come l’antica tradizione richiami le celebrazioni che vanno dal Natale alla Pentecoste. Il Natale (la nascita di Cristo) viene chiamato: Sa Paschixedda o Pasca de Nadale.

La Pasqua (la resurrezione di Cristo) viene chiamata: Pasca e’ Abrile o Pasca Manna. L’epifania: Pasca de sos tres res. La Pentecoste: Pasca de tres Flores.

Il termine che accomuna tutte le festività é: Pasca (Pasqua) che significa appunto Festa. Ogni comune e regione ha le sue influenze linguistiche ma il termine Pasca accomuna generalmente tutta la Sardegna.

Come si festeggia il Natale in Sardegna?

L’usanza dei festeggiamenti é quella tipica della fede cattolica: il 24 Dicembre la famiglia si riunisce per festeggiare la vigilia con la cena di Natale.

Tutti insieme si va alla messa di mezzanotte mentre il giorno seguente il 25 Dicembre, si festeggia la nascita di Gesù bambino con il classico pranzo di Natale in famiglia.

In alcune famiglie i regali si scambiano nella notte della vigilia, in altre invece vengono scambiati il 25 Dicembre durante il pranzo di Natale.

La cucina del natale in Sardegna

La tavola dei sardi per le festività natalizie ha solo una parola d’ordine: abbondanza e tradizione.

Ogni zona e paese ha i suoi piatti tipici ma in generale l’agnello al forno non manca mai in nessuna tavola.

Tra i primi piatti i classici malloreddus, gli gnocchetti sardi con il sugo di salsiccia o i ravioli di ricotta. A fine pasto oltre ai classici panettoni e pandori non mancano le tiriche (sas triccas) e pardulas (casadinas), dolci tipici presenti ad ogni festività.

Altro protagonista é il pane fresco sfornato esclusivamente per l’occasione.

Ogni zona ha il suo pane tipico cotto nel forno a legna. Altri prodotti immancabili sulla tavola dei sardi, sono il formaggio pecorino, salsiccia secca e le olive da confetto generalmente mangiati ad inizio pasto.

Nevica in Sardegna?

Immaginare la Sardegna imbiancata di neve può sembrare una di quelle assurdità da film americani, ma in realtà non tutti sanno che si può festeggiare persino un bianco Natale in Sardegna.

Non stiamo parlando della neve delle Alpi svizzere certo, però il cuore della Barbagia offre durante i mesi invernali, scenari da baita alpina con temperature che scendono molto spesso sotto lo zero.

Nelle zone di Fonni, – paese più alto della Sardegna nella provincia di Nuoro – é presente il principale (e anche unico) impianto sciistico della Sardegna.

Sui monti di Bruncu Spina e Monte Spada tra i 1800 e i 1400 metri di altezza ci sono alcune piste da sci attrezzate dove é possibile noleggiare sci, snowboard e slittini. A breve dovrebbe entrare in funzione anche la seggiovia dopo una recente ristrutturazione. E’ bene contattare in anticipo l’impianto per chiedere informazioni circa la reale fruibilità del sito. http://www.bruncuspina.com/.

Dormire nel Gennargentu


Fattoria Sos Astores: vivi in una e vera propria fattoria nel cuore della Barbagia, con animali allevati in loco e prodotti locali.

B&B Meddie: sentirsi come a casa in questo accogliente b&b nel suggestivo paese dei mulini di Tiana.

Cosa fare in Sardegna a Natale?

Festeggiare il Natale in Sardegna significa passeggiare tra i mercatini, ascoltare canti natalizi, fiere e artisti di strada. Tra luminarie e shopping, il Natale ha il sapore tipico delle feste.

I principali centri urbani dell’isola propongono una serie di eventi ed attività che abbracciano tutto il mese di Dicembre fino all’Epifania. Città come Cagliari, Olbia, Alghero, Sassari propongono un calendario molto interessante che comprende spettacoli davvero suggestivi sia per famiglie che per i più giovani.

A Natale si mangia abbondantemente lo sappiamo tutti. Ma visto che la Sardegna offre condizioni climatiche favorevoli anche a Dicembre, é possibile dedicarsi ad attività sportive a contatto con la natura.

Oltre alle classiche passeggiate in riva al mare ci sono tantissime escursioni da fare tra i sentieri di montagna o sei sei un appassionato trovi spesso le condizioni ideali per surfare.

I più pazzi e temerari non rinunciano ogni anno al bagno della vigilia nelle acque del Poetto.

Se fare un bagno al mare a Dicembre non fa esattamente per te, puoi sempre dedicare le vacanze di Natale ad altre attività meno “rischiose”.

Tra gli sport meno estremi c’è lo shopping... sempre un’ottima alternativa alla sedentarietà con benefici utili anche per l’umore.

Soluzioni Per smaltire il pranzo di Natale

Tour & Escursioni a Cagliari


Dove festeggiare il natale in Sardegna?

Le città più caratteristiche in questo periodo dell’anno.

Alghero

Tra le città sarde che racchiudono la tipica atmosfera natalizia merita una visita Alghero. Qui le festività tradizionali si uniscono all’impronta catalana. Un mese ricco di eventi con un calendario dedicato a spettacoli teatrali, esibizioni, concerti e il classico villaggio di Natale dedicato ai bambini.

Decorazioni e allestimenti abbelliscono le vie del centro storico, mentre le torri principali della città espongono mostre di artisti locali. Una particolarità é la messa di mezzanotte che viene celebrata nella lingua catalana con un richiamo alle melodie di origine iberica come il Canto della Sibilla.

Scopri Alghero


Cagliari

Cagliari é la città nella quale puoi visitare i più grandi mercatini natalizi dell’isola. Nel capoluogo della Sardegna si respira la magica atmosfera natalizia fra le vie principali dello shopping. Le luminarie vestono la città di luci calde e accoglienti. Tra le 50 strade cittadine si possono ammirare le installazioni luminose fino alla piazza Garibaldi dove svetta in tutto il suo splendore il grande albero di Natale.

Scopri Cagliari


I nostri suggerimenti TOP a Cagliari con colazione inclusa

SuitesGaribaldi


B&B in centro a Cagliari con ottima colazione.



LuceNova Suite Guest-House


Camere in centro a Cagliari con colazione inclusa. La Suite dispone inoltre di vasca idromassaggio.


Senorbì

A Senorbì vive babbo Natale. Lo sanno bene i bambini che ogni anno fremono nel visitare la casa più illuminata della Sardegna, in pieno stile Dyker Heights.

Oltre 40 mila luci dai colori perfettamente armonizzati illuminano il cielo di questo piccolo paese, regalando una delle attrattive più attese del Natale nel sud Sardegna. Non vediamo l’ora di poterle ammirare anche quest’anno!

I presepi in Sardegna

Il presepe é una tradizioni più importanti del Natale in Sardegna. Ogni paese espone la sua originale rappresentazione della natività che richiama aspetti iconici del proprio territorio. C’è n’è davvero per tutti i gusti allestiti in svariate forme.

Ad esempio ad Olmedo in provincia di Sassari si allestisce ogni anno il presepe di pane fatto interamente impastando acqua, lievito e farina.

Il presepe vivente di Collinas

Fra i presepi più particolari vogliamo segnalare quello di Collinas, nella regione storica della Marmilla.

Nel piccolo paese nel centro-sud Sardegna viene allestito un enorme presepe vivente, al quale partecipano un centinaio di configuranti mettendo in scena rappresentazioni della vita quotidiana rurale e del mondo agricolo. In abiti antichi palestinesi uniti a quelli della cultura sarda, le scene vengono recitate in limba, creando suggestioni uniche ed identitarie.

Vuoi scoprire la Sardegna fuori stagione?


Un ricordo di antico e passato. Le luci delle strade, il fumo dei caminetti accesi e delle castagne arrosto, regala un’aria di festa e familiarità. La Sardegna regala anche in questa stagione un’atmosfera magica.

Hotel ed escursioni proposti possono essere prenotati in tutta sicurezza sul sito dei nostri partner GetYourGuide e Booking.com

Chi Siamo | Termini & Condizioni | Cookies & Privacy | GDPR |
Affitto Turistico | Proprietari | Pubblica la tua attività | Privacy Policy

bluAlghero-Sardinia.com Copyright © 2011-2021
P.Iva: 02385770900 - Alghero 07041 Sardinia, Italy

web design Easy Grafica